buttonattivatiinformati

Unità medico scientifica

unnamed
Agisce per riparare il microbioma intestinale danneggiato

Farine di ceci, banane, farine di soia e arachidi alimenti speciali

Un nuovo tipo di cibo terapeutico, progettato specialmente per riparare il microbioma dell'intestino (cioè i microorganismi che ci vivono dentro) è più efficace rispetto alle terapie standard per migliorare la salute dei bambini malnutriti.

Lo dimostra una sperimentazione clinica, allo stadio iniziale, condotta in Bangladesh dall'università di Washington e il Centro di ricerca internazionale per le malattie diarroiche di Dacca, i cui dettagli sono pubblicati sulla rivista Science.

I ricercatori hanno cercato di potenziare in modo specifico la crescita dei microbi dell'intestino usando ingredienti presenti in cibi accessibili e culturalmente accettati nella regione.

"Il nostro lavoro corrobora l'idea che una crescita sana in bambini e neonati sia collegata ad uno sviluppo sano dei batteri dell'intestino dopo la nascita", commenta Jeffrey Gordon, coordinatore dello studio.

I bambini malnutriti "hanno le comunità di microrganismi intestinali non formate completamente rispetto ai bambini sani - continua - perciò abbiamo pensato di progettare dei cibi terapeutici per risolvere questa immaturità e vedere se così potesse ripartire una crescita sana". La sperimentazione è stata condotta su 63 bambini bangladesi di 12-18 mesi, con malnutrizione acuta moderata, suddivisi in 4 gruppi. A tre gruppi sono stati somministrati questi nuovi cibi, mentre al quarto quello standard. Il cibo terapeutico, che contiene un misto di ceci, soglia, banane e arachidi si è mostrato più efficace degli altri nel migliorare lo stato di salute dei bambini.

 la prima dimostrazione - conclude Gordon - che un cibo terapeutico, sviluppato specificamente per sostenere la crescita dei microrganismi intestinali collegati ad uno sviluppo sano del microbioma, abbia effetti benefici in molti altri aspetti di una crescita sana, cioè il metabolismo, le ossa, lo sviluppo cerebrale e immunitario".


Starving children often don’t recover, even when fed enough.

Restoring their gut bacteria could help
By Elizabeth PennisiJul. 11, 2019, 2:00 PM

Even after starving children get enough to eat again, they often fail to grow. Their brains don't develop properly, and they remain susceptible to diseases, even many years later. Two studies in Science this week now suggest fostering the right gut microbes may help these children recover. The work also pinpoints combinations of foods that nurture the beneficial microbes.

Most of the experiments were in animals, but a small group of malnourished children given those foods also showed signs of improvement. "This is an outstanding and extremely comprehensive study," says Honorine Ward, a microbiologist and global health expert at Tufts University School of Medicine in Boston. Tailoring food aid to foster the microbiome "could be a key to new strategies for improving global public health and human potential," adds David Relman, a microbiologist at Stanford University in Palo Alto, California.

Tahmeed Ahmed, director of nutrition research at the International Centre for Diarrhoeal Disease Research, Bangladesh, in Dhaka, has tried for 30 years to help malnourished children recover better. About a decade ago, he was intrigued by work by Jeffrey Gordon at Washington University in St. Louis, Missouri, linking certain gut microbes to obesity. The two scientists wondered whether the microbiome—the set of microbes living in and on the human body—might also play a role in obesity's opposite number, malnutrition.

Together, their teams reported in 2014 that the gut microbiome normally "matures" as an infant grows into a toddler. They also noticed that it remains immature in severely malnourished children, dominated by bacteria found in younger healthy children. Two years later, the researchers put mature and immature microbiomes from children into mice raised without microbes. Animals given the immature microbiomes put on less muscle, had weaker bones, and had impaired metabolisms, suggesting a mature microbiome might be needed for proper development.

To pinpoint which among the microbiome's hundreds of strains are linked to maturation, Arjun Raman, a postdoc in the Gordon lab, analyzed data from fecal samples that Ahmed's team had collected monthly from 50 healthy infants in Bangladesh as they grew. Raman identified 15 types of bacteria that increased and decreased in concert as the microbiome matured. He and the team saw the same pattern in healthy children from Peru and India and even in germ-free piglets given the bacteria and eating the same food as the Bangladeshi infants and children, they report in Science.

Fostering or suppressing those microbes could be key to helping children recover from malnutrition, the researchers thought. To test that idea, they needed a way to monitor recovery. Looking for a molecular signature of healthy growth, a graduate student in Gordon's lab, Jeanette Gehrig, and colleagues monitored more than 1000 proteins and metabolites, such as fatty and amino acids, for ones that change as healthy children grow and malnourished ones recover.

Gehrig and the rest of the team then tested the effects of various foods on mice and piglets whose microbiomes had been transplanted from malnourished infants. They hoped to find foods that could "encourage catchup growth in the microbiota," Gordon says. Milk powder and rice, standard components of food aid, did little to foster maturation, but chickpea, banana, and soy and peanut flours helped the microbiomes mature.

The researchers then fed mice and piglets supplements that combined all four foods and saw that the animals' microbiomes matured, and their growth improved. “This study points to the importance and utility of thoughtfully selected nutrients to support key members of a microbiota,” Relman says.

As a final proof of principle, Ahmed, Gordon, and their colleagues compared their supplements to standard recovery fare in about 60 malnourished Bangladeshi children for 1 month. That was too little time to assess long-term physical recovery, but long enough to see effects on the molecular signatures in the blood. Only the four-food combination sharply improved those signatures, they report in Science. It also improved the 15 bacteria Raman's team linked to maturation.

The results suggest a way to improve nutrition even in well-fed children, in whom a poor diet can lead to an increased risk of obesity, diabetes, and other diseases as adults. “If caregivers know the best foods to feed their children to support the development of their gut microbiota, we could potentially prevent undernutrition and immature microbiota to begin with,” Gehrig says.

Relman and others are more cautious, particularly because it's not clear the mature microbiomes will persist in malnourished infants who ate the supplements. Chris Damman, a senior program officer at the Bill & Melinda Gates Foundation in Seattle, Washington, which funded the work, says, “I wouldn't say this is ‘the future’ or ‘the cure-all.’ But it's certainly an exciting lead and one that we think has promise.”

Back in Bangladesh, Ahmed is coordinating an effort to provide the microbe-boosting diet and others to a larger group of malnourished children. The team will follow the children for 3 months, long enough to see whether the beneficial effects translate into healthy development. He's hopeful, he says, that “this can be a game-changer in the treatment of malnutrition.”

Posted in: Health

La diarrea è una delle più frequenti cause di morte nei bambini sotto i cinque anni affetti da malnutrizione acuta severa.

Lo studio analizza le differenze tra il monitoraggio delle scariche diarroiche effettuato dalle mamme e quello eseguito da personale sanitario formato attraverso l'osservazione diretta del pannolino sostituito ogni due ore.

BMC Pediatr. 2017 Jun 7;17(1):140.

Stool frequency recording in severe acute malnutrition ('StoolSAM'); an agreement study comparing maternal recall versus direct observation using diapers.

Voskuijl W1,2, Potani I3, Bandsma R4, Baan A5, White S6, Bourdon C4, Kerac M7,8.

Abstract

BACKGROUND: Approximately 50% of the deaths of children under the age of 5 can be attributed to undernutrition, which also encompasses severe acute malnutrition (SAM). Diarrhoea is strongly associated with these deaths and is commonly diagnosed solely based on stool frequency and consistency obtained through maternal recall. This trial aims to determine whether this approach is equivalent to a 'directly observed method' in which a health care worker directly observed stool frequency using diapers in hospitalised children with complicated SAM.

METHODS: This study was conducted at 'Moyo' Nutritional Rehabilitation Unit, Queen Elizabeth Central Hospital, Malawi. Participants were children aged 5-59 months admitted with SAM. We compared 2 days of stool frequency data obtained with next-day maternal-recall versus a 'gold standard' in which a health care worker observed stool frequency every 2 h using diapers. After study completion, guardians were asked their preferred method and their level of education.

RESULTS: We found poor agreement between maternal recall and the 'gold standard' of directly observed diapers. The sensitivity to detect diarrhoea based on maternal recall was poor, with only 75 and 56% of diarrhoea cases identified on days 1 and 2, respectively. However, the specificity was higher with more than 80% of children correctly classified as not having diarrhoea. On day 1, the mean stool frequency difference between the two methods was -0.17 (SD; 1.68) with limits of agreement (of stool frequency) of -3.55 and 3.20 and, similarly on day 2, the mean difference was -0.2 (SD; 1.59) with limits of agreement of -3.38 and 2.98. These limits extend beyond the pre-specified 'acceptable' limits of agreement (±1.5 stool per day) and indicate that the 2 methods are non-equivalent. The higher the stool frequency, the more discrepant the two methods were. Most primary care givers strongly preferred using diapers.

CONCLUSIONS: This study shows lack of agreement between the assessment of stool frequency in SAM patients using maternal recall and direct observation of diapers. When designing studies, one should consider using diapers to determining diarrhoea incidence/prevalence in SAM patients especially when accuracy is essential.

TRIAL REGISTRATION NUMBER: ISRCTN11571116 (registered 29/11/2013).

10CR1773 r6° Corso
di Formazione Sanitaria

IV MODULO
19-20 maggio 2017

COMPONENTI
DI PROGRAMMI NUTRIZIONALI
SU BASE COMUNITARIA

Attraverso l'approfondimento delle cause che generano il grave quadro della malnutrizione acuta infantile, il Corso si propone di delineare il trattamento di condizioni cliniche responsabili di iponutrizione e di sensibilizzare sui numerosi fattori che incidono negativamente su salute e sviluppo del bambino.

Il Corso avrà un taglio prevalentemente pratico: attraverso la presentazione di linee guida, esperienze di successo e casi studio il discente sarà stimolato a identificare e dettagliare specifici problemi nell'ambito della lotta contro la malnutrizione e a proporre possibili soluzioni. Nella prospettiva di una futura missione dovrà imparare a cimentarsi nella definizione di un piano di intervento, nella sua implementazione e monitoraggio, nella valutazione dei risultati raggiunti e nella stesura della relazione finale.

Il progetto si pone l'obiettivo di formare medici nell'ambito della lotta contro la Malnutrizione Acuta infantile (MA) nei Paesi in via di Svilupo (PVS), fornendo loro una visione a tutto campo del problema.

Tra coloro che avranno completato i 4 moduli e superato la prova finale saranno selezionati alcuni soggetti che potranno prendere parte ad una missione per un periodo da 1 a 3 mesi presso uno dei progetti nei PVS in cui NutriAid e Aspic sono operativi.

Il Corso è riservato a:

Medici, in particolare pediatri, farmacisti, infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e in generale a tutte le categorie sanitarie.
I posti disponibili sono 35 di cui 5 riservati agli studenti.

Crediti:

Il Corso è stato accreditato presso il Ministero della Salute, in base alle nuove procedure per l'attribuzione dei Crediti Formativi di "Educazione Continua in Medicina" (E.C.M.) per le professioni di cui sopra. 

In particolare i crediti attribuiti per il IV modulo sono 16. 
Ai partecipanti non aventi diritto verrà comunque rilasciato un Attestato di partecipazione.

Quota di partecipazione:

Quota di iscrizione a ciascun modulo: € 120,00

Quota iscrizione 4 moduli: € 400,00

Quota iscrizione studenti: € 60,00 per ciascun modulo e € 200,00 per i 4 moduli

Quota iscrizione per i medici selezionati per la missione nei Paesi in via di sviluppo: RIMBORSO QUOTA di tutti e 4 i moduli

Copia del pagamento dovrà essere inviata contestualmente al modulo d'iscrizione almeno 7 giorni prima dell'inizio del corso.

La quota dà diritto a :

 partecipazione alle sessioni del corso previste

 attestato E.C.M. (agli aventi diritto) / attestato di partecipazione

 materiale didattico –relazioni su supporto informatico, slides..-

Per informazioni scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare al n° 011 4390017

pdfNutriAid Aspic programma corso formazione 2017.pdf

pdfNutriAid Aspic modulo iscrizione corso 2017.pdf


Esiste un incremento nella diagnosi di malnutrizione acuta severa tra i bambini molto piccoli.

Questo studio, condotto al County Hospital di Kilifi in Kenya su 2882 bambini con meno di sei mesi di età, analizza l'associazione tra indici antropometrici ed il rischio di mortalità durante il ricovero e dopo la dimissione. I criteri diagnostici maggiormente predittivi nei bambini così piccoli sono risultati essere il MUAC (midupper arm circumference) e il WAZ (weight for age) rispetto al WLZ (weight for lenght), anche se sono necessari ulteriori studi a conferma di questo dato.

Am J Clin Nutr. 2017 Apr 19. pii: ajcn149815.

Diagnostic criteria for severe acute malnutrition among infants aged under 6 mo.

Mwangome M, Ngari M, Fegan G, Mturi N, Shebe M, Bauni E, Berkley JA

Abstract

Background: There is an increasing recognition of malnutrition among infants under 6 mo of age (U6M). Current diagnosis criteria use weight-for-length z scores (WLZs), but the 2006 WHO standards exclude infants shorter than 45 cm. In older children, midupper arm circumference (MUAC) predicts mortality better than does WLZ. Outcomes may also be influenced by exposure to HIV and size or gestational age at birth. Diagnostic thresholds for WLZ, MUAC, and other indexes have not been fully evaluated against mortality risk among U6M infants. Objective: The aim was to determine the association of anthropometric indexes with risks of inpatient and postdischarge mortality among U6M infants recruited at the time of hospitalization. Design: We analyzed data from a cohort of U6M infants admitted to Kilifi County Hospital (2007-2013), Kenya. The primary outcomes were inpatient death and death during follow-up over 1 y after discharge. We calculated adjusted RRs for inpatient mortality and HRs for postdischarge mortality for different anthropometric measures and thresholds. Discriminatory value was assessed by using receiver operating characteristic curves. Results: A total of 2882 infants were admitted: 140 (4.9%) died in the hospital and 1405 infants were followed up after discharge. Of these, 75 (5.3%) died within 1 y during 1318 child-years of observation. MUAC and weight-for-age z score (WAZ) predicted inpatient and postdischarge mortality better than did WLZ (P < 0.0001). A single MUAC threshold of <11.0 cm performed similarly to MUAC thresholds that varied with age (all P > 0.05) and performed better than WLZ <-3 for both inpatient and postdischarge mortality (both P < 0.001). Reported small size at birth did not reduce the risk of death associated with anthropometric indexes. Conclusions: U6M infants at the highest risk of death are best targeted by using MUAC or WAZ. Further research into the effectiveness of potential interventions is required.

Lo sviluppo dell'utilizzo dei RUTF (ready to use therapeutic food) nel trattamento dei casi severi di malnutrizione infantile ha portato ad un indiscutibile miglioramento della sopravvivenza dei bambini tra i 6 mesi e i 5 anni che si trovavano in situazioni di emergenza. Questo successo ha portato ad un incremento di richiesta di questi alimenti nei paesi a basso reddito soggetti a frequenti periodi di insicurezza alimentare causati da fattori ambientali quali siccità o cicloni.

Questo articolo sottolinea la preoccupazione emergente per un utilizzo inappropriato e prolungato di cibi pronti ad elevato contenuto energetico da parte di adulti o in assenza di situazioni di carenza, con il rischio di un possibile incremento in futuro di casi di obesità e di malattie metaboliche.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28398257

The Life Course Implications of Ready to Use Therapeutic Food for Children in Low-Income Countries.

Bazzano AN, Potts KS, Bazzano LA, Mason JB.

Abstract

The development of ready-to-use therapeutic food (RUTF) for the treatment of uncomplicated cases of severe acute malnutrition in young children from 6 months to 5 years old has greatly improved survival through the ability to treat large numbers of malnourished children in the community setting rather than at health facilities during emergencies. This success has led to a surge in demand for RUTF in low income countries that are frequently food insecure due to environmental factors such as cyclical drought. Worldwide production capacity for the supply of RUTF has increased dramatically through the expansion and development of new manufacturing facilities in both low and high income countries, and new business ventures dedicated to ready-to-use foods have emerged not only for emergencies, but increasingly, for supplementing caloric intake of pregnant women and young children not experiencing acute undernutrition. Due to the lack of evidence on the long term health impact these products may have, in the midst of global nutrition transitions toward obesity and metabolic dysfunction, the increased use of manufactured, commercial products for treatment and prevention of undernutrition is of great concern. Using a framework built on the life course health development perspective, the current research presents several drawbacks and limitations of RUTF for nutrition of mothers and young children, especially in non-emergency situations. Recommendations follow for potential strategies to limit the use of these products to the treatment of acute undernutrition only, study the longer term health impacts of RUTF, prevent conflict of interests arising for social enterprises, and where possible, ensure that whole foods are supported for life-long health and nutrition, as well as environmental sustainability.

09MD0185 rValutazione dell'efficacia
dell'educazione delle mamme

L'articolo riporta i risultati di uno studio condotto in Madagascar su bambini malnutriti le cui mamme erano state coinvolte in un programma educativo.
Viene analizzata l'efficacia del coinvolgimento delle mamme attraverso la verifica  del mantenimento, ad un anno di distanza dalla conclusione del programma di recupero, di uno stato nutrizionale adeguato. 

Acta Paediatr. 2017 Feb 23. doi: 10.1111/apa.13796.

Most children who took part in a comprehensive malnutrition programme in Madagascar reached and maintained the recovery threshold.

Margot M1, Stoll B1, Voahangy R2, Jeannot E1,3.

Abstract AIM: The benefits of including nutritional education in programmes that tackle moderate and severe acute malnutrition remain poorly documented. This study in Madagascar evaluated the nutritional status of children who took part in an innovative programme that included maternal education, on completion and after a year. METHODS: Each year, this outpatient programme admits 2,400 malnourished children from 6-59 months in the lower districts of Antananarivo, Madagascar. Children were drawn by lots and their anthropometric data measured. A descriptive retrospective longitudinal study was conducted on 573 children who took part between 2010-2013. RESULTS: The programme lasted an average of 38 days and, on completion, 82.2% had reached the recovery threshold and 16.2% had moved up to mild malnutrition. This was achieved with food supplements of 720 kilocalories per day, despite the Malagasy Public Health recommendation of 1,000-1,500 kilocalories per day. After one year, 79.1% were still above the recovery threshold and 15% had mild malnutrition. The recovery rate was higher for children under 24 months of age (odds ratio 2.9, 95% confidence interval 1.93-4.59). CONCLUSION: Most children who attended this malnutrition programme with maternal education in Madagascar reached the recovery threshold on completion and had maintained it after one year.


 K3_6182_r6° Corso di Formazione Sanitaria
III MODULO
24-25 marzo 2017
PREVENIRE E TRATTARE LA MALNUTRIZIONE

Attraverso l'approfondimento delle cause che generano il grave quadro della malnutrizione acuta infantile, il Corso si propone di delineare il trattamento di condizioni cliniche responsabili di iponutrizione e di sensibilizzare sui numerosi fattori che incidono negativamente su salute e sviluppo del bambino.

Il Corso avrà un taglio prevalentemente pratico: attraverso la presentazione di linee guida, esperienze di successo e casi studio il discente sarà stimolato a identificare e dettagliare specifici problemi nell'ambito della lotta contro la malnutrizione e a proporre possibili soluzioni. Nella prospettiva di una futura missione dovrà imparare a cimentarsi nella definizione di un piano di intervento, nella sua implementazione e monitoraggio, nella valutazione dei risultati raggiunti e nella stesura della relazione finale.

Il progetto si pone l'obiettivo di formare medici nell'ambito della lotta contro la Malnutrizione Acuta infantile (MA) nei Paesi in via di Svilupo (PVS), fornendo loro una visione a tutto campo del problema.

Prossime date:

19-20 maggio 2017
COMPONENTI DI PROGRAMMI NUTRIZIONALI SU BASE COMUNITARIA

Tra coloro che avranno completato i 4 moduli e superato la prova finale saranno selezionati alcuni soggetti che potranno prendere parte ad una missione per un periodo da 1 a 3 mesi presso uno dei progetti nei PVS in cui NutriAid e Aspic sono operativi.

Il Corso è riservato a:

Medici, in particolare pediatri, farmacisti, infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e in generale a tutte le categorie sanitarie.
I posti disponibili sono 35 di cui 5 riservati agli studenti.

Crediti:

Il Corso è stato accreditato presso il Ministero della Salute, in base alle nuove procedure per l'attribuzione dei Crediti Formativi di "Educazione Continua in Medicina" (E.C.M.) per le professioni di cui sopra. 

In particolare i crediti attribuiti per il III  e IV modulo sono 16. 
Ai partecipanti non aventi diritto verrà comunque rilasciato un Attestato di partecipazione.

Quota di partecipazione:

Quota di iscrizione a ciascun modulo: € 120,00

Quota iscrizione 4 moduli: € 400,00

Quota iscrizione studenti: € 60,00 per ciascun modulo e € 200,00 per i 4 moduli

Quota iscrizione per i medici selezionati per la missione nei Paesi in via di sviluppo: RIMBORSO QUOTA di tutti e 4 i moduli

Copia del pagamento dovrà essere inviata contestualmente al modulo d'iscrizione almeno 7 giorni prima dell'inizio del corso.

La quota dà diritto a :

 partecipazione alle sessioni del corso previste

 attestato E.C.M. (agli aventi diritto) / attestato di partecipazione

 materiale didattico –relazioni su supporto informatico, slides..-

Per informazioni scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare al n° 011 4390017

pdfNutriAid Aspic programma corso formazione 2017.pdf

pdfNutriAid Aspic modulo iscrizione corso 2017.pdf


SEN 1447_r6° Corso di Formazione Sanitaria
II MODULO
24-25 febbraio 2017 
Alimentazione
in particolari fasce della vita
e in condizioni di emergenza

Attraverso l'approfondimento delle cause che generano il grave quadro della malnutrizione acuta infantile, il Corso si propone di delineare il trattamento di condizioni cliniche responsabili di iponutrizione e di sensibilizzare sui numerosi fattori che incidono negativamente su salute e sviluppo del bambino.

Il Corso avrà un taglio prevalentemente pratico: attraverso la presentazione di linee guida, esperienze di successo e casi studio il discente sarà stimolato a identificare e dettagliare specifici problemi nell'ambito della lotta contro la malnutrizione e a proporre possibili soluzioni.

Nella prospettiva di una futura missione dovrà imparare a cimentarsi nella definizione di un piano di intervento, nella sua implementazione e monitoraggio, nella valutazione dei risultati raggiunti e nella stesura della relazione finale.

Il progetto si pone l'obiettivo di formare medici nell'ambito della lotta contro la Malnutrizione Acuta infantile (MA) nei Paesi in via di Svilupo (PVS), fornendo loro una visione a tutto campo del problema.

Prossime date:

24-25 marzo 2017
PREVENIRE E TRATTARE LA MALNUTRIZIONE

19-20 maggio 2017
COMPONENTI DI PROGRAMMI NUTRIZIONALI SU BASE COMUNITARIA

Tra coloro che avranno completato i 4 moduli e superato la prova finale saranno selezionati alcuni soggetti che potranno prendere parte ad una missione per un periodo da 1 a 3 mesi presso uno dei progetti nei PVS in cui NutriAid e Aspic sono operativi.

Il Corso è riservato a:

Medici, in particolare pediatri, farmacisti, infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e in generale a tutte le categorie sanitarie.
I posti disponibili sono 35 di cui 5 riservati agli studenti.

Crediti:

Il Corso è stato accreditato presso il Ministero della Salute, in base alle nuove procedure per l'attribuzione dei Crediti Formativi di "Educazione Continua in Medicina" (E.C.M.) per le professioni di cui sopra. 

In particolare i crediti attribuiti per il II e III modulo sono 16. Il IV modulo è in fase di accreditamento.
Ai partecipanti non aventi diritto verrà comunque rilasciato un Attestato di partecipazione.

Quota di partecipazione:

Quota di iscrizione a ciascun modulo: € 120,00

Quota iscrizione 4 moduli: € 400,00

Quota iscrizione studenti: € 60,00 per ciascun modulo e € 200,00 per i 4 moduli

Quota iscrizione per i medici selezionati per la missione nei Paesi in via di sviluppo: RIMBORSO QUOTA di tutti e 4 i moduli

Copia del pagamento dovrà essere inviata contestualmente al modulo d'iscrizione almeno 7 giorni prima dell'inizio del corso.

La quota dà diritto a :

 partecipazione alle sessioni del corso previste

 attestato E.C.M. (agli aventi diritto) / attestato di partecipazione

 materiale didattico –relazioni su supporto informatico, slides..-

Per informazioni scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare al n° 011 4390017

pdfNutriAid Aspic programma corso formazione 2017.pdf

pdfNutriAid Aspic modulo iscrizione corso 2017.pdf


NutriAid e Aspic organizzano il 
6° Corso di Formazione Sanitaria 

SEN 1447_r

Malnutrizione infantile nei Paesi in Via di Sviluppo
Analisi delle cause sottese 
e componenti chiave del trattamento

Attraverso l'approfondimento delle cause che generano il grave quadro della malnutrizione acuta infantile, il Corso si propone di delineare il trattamento di condizioni cliniche responsabili di iponutrizione e di sensibilizzare sui numerosi fattori che incidono negativamente su salute e sviluppo del bambino.

Il Corso avrà un taglio prevalentemente pratico: attraverso la presentazione di linee guida, esperienze di successo e casi studio il discente sarà stimolato a identificare e dettagliare specifici problemi nell'ambito della lotta contro la malnutrizione e a proporre possibili soluzioni.

Nella prospettiva di una futura missione dovrà imparare a cimentarsi nella definizione di un piano di intervento, nella sua implementazione e monitoraggio, nella valutazione dei risultati raggiunti e nella stesura della relazione finale.

Il progetto si pone l'obiettivo di formare medici nell'ambito della lotta contro la Malnutrizione Acuta infantile (MA) nei Paesi in via di Svilupo (PVS), fornendo loro una visione a tutto campo del problema.

Il Corso è suddiviso in 4 moduli ciascuno suddiviso in 2 giornate:

E' possibile partecipare ad uno o più moduli.

20-21 gennaio 2017
EMERGENZE NUTRIZIONALI: ANALISI DEL CONTESTO, TIPOLOGIA DI RISPOSTE E SORVEGLIANZA

24-25 febbraio 2017
ALIMENTAZIONE IN PARTICOLARI FASCE DELLA VITA E IN CONDIZIONI DI EMERGENZA

24-25 marzo 2017
PREVENIRE E TRATTARE LA MALNUTRIZIONE

19-20 maggio 2017
COMPONENTI DI PROGRAMMI NUTRIZIONALI SU BASE COMUNITARIA

Tra coloro che avranno completato i 4 moduli e superato la prova finale saranno selezionati alcuni soggetti che potranno prendere parte ad una missione per un periodo da 1 a 3 mesi presso uno dei progetti nei PVS in cui NutriAid e Aspic sono operativi.

Il Corso è riservato a:

Medici, in particolare pediatri, farmacisti, infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e in generale a tutte le categorie sanitarie.
I posti disponibili sono 35 di cui 5 riservati agli studenti.

Crediti:

Il Corso è stato accreditato presso il Ministero della Salute, in base alle nuove procedure per l'attribuzione dei Crediti Formativi di "Educazione Continua in Medicina" (E.C.M.) per le professioni di cui sopra. 

In particolare i crediti attribuiti per il I modulo sono 18, mentre per il II e III modulo sono 16. Il IV modulo è in fase di accreditamento.
Ai partecipanti non aventi diritto verrà comunque rilasciato un Attestato di partecipazione.

Quota di partecipazione:

Quota di iscrizione a ciascun modulo: € 120,00

Quota iscrizione 4 moduli: € 400,00

Quota iscrizione studenti: € 60,00 per ciascun modulo e € 200,00 per i 4 moduli

Quota iscrizione per i medici selezionati per la missione nei Paesi in via di sviluppo: RIMBORSO QUOTA di tutti e 4 i moduli

Copia del pagamento dovrà essere inviata contestualmente al modulo d'iscrizione almeno 7 giorni prima dell'inizio del corso.

La quota dà diritto a :

 partecipazione alle sessioni del corso previste

 attestato E.C.M. (agli aventi diritto) / attestato di partecipazione

 materiale didattico –relazioni su supporto informatico, slides..-

Per informazioni scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare al n° 011 4390017

pdfNutriAid Aspic programma corso formazione 2017.pdf

pdfNutriAid Aspic modulo iscrizione corso 2017.pdf


EFFICACIA DEL MUAC EFFETTUATO DALLE MAMME 

La misurazione della circonferenza braccio (mid-upper arm circumference MUAC) è un semplice strumento di screening, che si è dimostrato un utile predittore di mortalità in bambini affetti da malnutrizione acuta, migliore di altri indicatori antropometrici. Questo studio, effettuato in due diverse regioni del Niger, compara le misurazioni effettuate dalle mamme e dagli operatori comunitari di sanità, concludendo che le mamme hanno ottenuto risultati non inferiori ad un costo notevolemente minore.

Leggi l'articolo:

 MUAC effettuato dalle mamme

NUTRIAID e ASPIC organizzano il

Nuovo Corso di Formazione Sanitaria 

SEN 1447_r

Malnutrizione infantile nei Paesi in Via di Sviluppo
Analisi delle cause sottese 
e componenti chiave del trattamento

Attraverso l'approfondimento delle cause che generano il grave quadro della malnutrizione acuta infantile, il Corso si propone di delineare il trattamento di condizioni cliniche responsabili di iponutrizione e di sensibilizzare sui numerosi fattori che incidono negativamente su salute e sviluppo del bambino.

Il Corso avrà un taglio prevalentemente pratico: attraverso la presentazione di linee guida, esperienze di successo e casi studio il discente sarà stimolato a identificare e dettagliare specifici problemi nell'ambito della lotta contro la malnutrizione e a proporre possibili soluzioni.

Nella prospettiva di una futura missione dovrà imparare a cimentarsi nella definizione di un piano di intervento, nella sua implementazione e monitoraggio, nella valutazione dei risultati raggiunti e nella stesura della relazione finale.

Il progetto si pone l'obiettivo di formare medici nell'ambito della lotta contro la Malnutrizione Acuta infantile (MA) nei Paesi in via di Svilupo (PVS), fornendo loro una visione a tutto campo del problema.

Il Corso è suddiviso in 4 moduli ciascuno suddiviso in 3 giornate:

E' possibile partecipare ad uno o più moduli.

22-24 set 2016
EMERGENZE NUTRIZIONALI: ANALISI DEL CONTESTO, TIPOLOGIA DI RISPOSTE E SORVEGLIANZA

20-22 ott 2016
ALIMENTAZIONE IN PARTICOLARI FASCE DELLA VITA E IN CONDIZIONI DI EMERGENZA

24-26 nov 2016
PREVENIRE E TRATTARE LA MALNUTRIZIONE

19-21 gen 2017
COMPONENTI DI PROGRAMMI NUTRIZIONALI SU BASE COMUNITARIA

Tra coloro che avranno completato i 4 moduli e superato la prova finale saranno selezionati alcuni soggetti che potranno prendere parte ad una missione per un periodo da 1 a 3 mesi presso uno dei progetti nei PVS in cui NutriAid e Aspic sono operativi.

Il Corso è riservato a:

Medici, in particolare pediatri, farmacisti, infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e in generale a tutte le categorie sanitarie.
I posti disponibili sono 35 di cui 5 riservati agli studenti.

Crediti:

Il Corso è stato accreditato presso il Ministero della Salute, in base alle nuove procedure per l'attribuzione dei Crediti Formativi di "Educazione Continua in Medicina" (E.C.M.) per le professioni di cui sopra.

I crediti attribuiti per il I modulo sono 18. Per gli altri 3 moduli è in corso la richiesta di accreditamento.
Ai partecipanti non aventi diritto verrà comunque rilasciato un Attestato di partecipazione.

Quota di partecipazione:

Quota di iscrizione a ciascun modulo: € 120,00

Quota iscrizione 4 moduli: € 400,00

Quota iscrizione studenti: € 60,00 per ciascun modulo e € 200,00 per i 4 moduli

Quota iscrizione per i medici selezionati per la missione nei Paesi in via di sviluppo: RIMBORSO QUOTA di tutti e 4 i moduli

Copia del pagamento dovrà essere inviata contestualmente al modulo d'iscrizione almeno 7 giorni prima dell'inizio del corso.

La quota dà diritto a :

 partecipazione alle sessioni del corso previste

 attestato E.C.M. (agli aventi diritto) / attestato di partecipazione

 materiale didattico –relazioni su supporto informatico, slides..-

Per informazioni scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare al n° 011 4390017

pdfNutriAid programma corso malnutrizione 16.pdf

docNutriAid modulo discrizione corso formazione 2016.doc




Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo