buttonattivatiinformati

News dal Madagascar

09MD0960 r

E' proprio nel continente africano che si sono verificate nove su dieci delle cosiddette crisi dimenticate, eventi drammatici che hanno coinvolto milioni di persone che vanno dalla siccità, ai conflitti, alle epidemie e all’insicurezza alimentare.

In molti paesi i cambiamenti climatici stanno trasformando emergenze occasionali in eventi quasi “quotidiani”, rischiando così che il focus della comunicazione si sposti altrove nonostante la crisi continui ad esserci, ormai inascoltata.

Succede così che sui nostri media questi drammi di intere popolazioni siano raccontati con un trafiletto di dieci righe o con la citazione di un comunicato stampa. Sarebbe invece più utile parlare di più e meglio di questi eventi avversi e dei drammi che milioni di persone stanno affrontando per capire le ragioni profonde dei flussi migratori, in particolare quelli provenienti dall’Africa.

Non sorprendono quindi i risultati del rapporto “Suffering in Silence: the 10 most under-reported humanitarian crises of 2019” che analizza le dieci crisi che hanno ricevuto meno attenzione (o non hanno ricevuta affatto) da parte dei media nel 2019. L’analisi dell’organizzazione internazionale CARE si riferisce alla copertura mediatica online globale e mostra una tendenza relativa ad alcuni Paesi che ricorrono ogni anno nell’elenco. 

La situazioen in Madagascar in particolare risulta essere la prima di queste crisi dimenticate nonostante alla fine del 2019, più di 2,6 milioni di persone siano state colpite dagli effetti della siccità e più di 916.000 persone hanno avuto immediato bisogno di assistenza alimentare.

Il Madagascar ha il quarto più alto tasso di malnutrizione cronica al mondo, con un bambino su due sotto i cinque anni che soffre di rallentamento o ritardo nella crescita. Questo danneggia gravemente il loro sviluppo cognitivo e fisico, aumentando il rischio di contrarre o sviluppare altre malattie. Oltre a ciò all'inizio del 2019, un'epidemia di morbillo insolitamente invasiva con oltre 127.000 casi confermati ha coinciso con il verificarsi stagionale della peste.

Leggi il rapporto: Suffering in Silence


Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo