Sesso debole? Non le donne di NutriAid

Questa email contiene delle immagini, se non le vedi, puoi leggerla nel tuo browser.

Inviare-amico Inoltra ad un amico
nutriaid
Banner sito festa della donna 4

Newsletter n° 3

                     
                                  Donne e malnutrizione
                      Rafforziamo il potere delle donne

Gentile Visitatore,

Le donne sono spesso vittime della malnutrizione e soffrono maggiormente di insicurezza alimentare nonostante giochino un ruolo fondamentale in ogni comunità per costruire un futuro libero dalla fame.
Le disuguaglianze di 
genere sono sempre più una causa e una conseguenza della fame e della malnutrizione.

Perchè è importante l'enpowerment delle donne
che vivono nei Paesi in Via di Sviluppo?

 Ecco
8 buone ragioni:

1. 

In questi Paesi, le donne rappresentano il 45% della forza lavoro nel settore agricolo (arrivando anche al 60% in alcune zone dell’Africa). Le competenze e l’energia delle donne rurali si riflettono in tutto il sistema alimentare: diversificazione dell’agricoltura sostenibile, promozione della bio-fortificazione, diminuzione dello spreco e sicurezza alimentare.

2.  

I rendimenti ottenuti dalle donne dalle attività agricole sono più bassi del 20-30% rispetto agli uominiquesto perché le donne hanno un accesso limitato alle risorse produttive e alle tecnologie (terreni, sementi, fertilizzanti, attrezzature, etc.) e perché non godono degli stessi diritti in termini di opportunità di mercato, occupazione, protezione sociale e, in un senso più ampio, non sono incluse nei processi decisionali, a qualsiasi livello: familiare, comunitario, all’interno delle organizzazioni rurali, governativo. 

Si stima che garantire alle donne rurali un maggiore accesso a tali risorse e diritti significherebbe, a livello globale, ridurre il numero di persone colpite dalla fame del 12-18% (circa 100/150 milioni di persone in meno)

3.

 Nella maggior parte di questi Paesi, circa il 90% del tempo speso per la preparazione del cibo per la famiglia riguarda le donne

4.

In alcuni Paesi, la tradizione impone alla donna di mangiare per ultima e, in caso di carenza di cibo, la donna sacrifica la propria razione per la famiglia

5.

Una madre malnutrita ha più probabilità di far nascere bambini a loro volta malnutriti che hanno il 20% di probabilità in più di morire prima del compimento del quinto anno d’età. Proprio su questo si focalizza la Campagna #1000GiorniZeroFame di NutriAid

6.

In Africa, più del 35% delle donne in età riproduttiva soffre di anemia e questo comporta rischi enormi in termini di nutrizione e salute dei loro bambini provocando migliaia di morti alla nascita ogni anno

7.

Secondo la FAO, migliorare lo status socio-economico delle donne all’interno delle famiglie e delle comunità in cui vivono avrebbe un diretto impatto sulla sicurezza alimentare e sull’alimentazione, in particolare per quanto riguarda i bambini. Per esempio, è stato provato che le donne, se hanno l’opportunità di controllare parte del reddito familiare ottenuto grazie ad attività lavorative, tendono a spendere molto di più in cibo,salute, vestiti e istruzione per i propri figli rispetto agli uomini.

8.

Nelle zone semi-aride del Kenya, ad esempio, dove è presente NutriAid, le donne sono costrette a camminare per ore per andare a prendere l’acqua e questo, di fatto, le esclude da altre attività produttive.
Inoltre, in situazioni di scarsità di cibo, le donne mangiano meno degli uomini.

Per questo motivo, per festeggiare 

tutte le donne forti come te

ti proponiamo di sostenere il progetto

"Donne per la sicurezza alimentare"

in Senegal 

Auguri a tutte le Donne da tutto il team NutriAid! 

dona ora

 

Senegal: tutte le informazioni sul progetto


08SN0142H Secondo l’aggiornamento del 2017 della Banca Mondiale, i progressi in termini di riduzione della povertà in Senegal sono stati piuttosto modesti.

Gli ultimi dati ufficiali indicano che circa il 38% della popolazione vive con meno di 1,90 dollari al giorno e che circa il 13% delle famiglie sono minacciate dall’insicurezza alimentare.

Il Governo Senegalese si sta impegnando a risolvere le cause della malnutrizione, intervenendo anche sulle aree rurali in un Paese che dipende quasi totalmente dall’agricoltura e dalla pesca, ma tali azioni devono tenere conto del ruolo chiave delle donne rispetto all’alimentazione.

Investire nelle donne per combattere la malnutrizione significa incrementare lo sviluppo umano ed economico del Paese. Un bambino malnutrito ha minori aspettative di vita, un minore sviluppo cognitivo che si riflette in un’inferiore capacità di apprendere e, in futuro, da adulto, in un potenziale reddito inferiore anche del 17%.

Si tratta di un progetto di sostegno alle Associazioni agricole femminili per favorire la promozione dell’agricoltura familiare e per promuovere il ruolo della donna nel contesto rurale nel Comune di Yène (Regione di Dakar) attraverso:


1. Formazione tecnico-gestionale in ambito agricolo seguita da un periodo di accompagnamento
2. Scavo di nuovi pozzi e miglioramento di quelli esistenti per una maggiore disponibilità di acqua per l’irrigazione, a volte carente a causa degli effetti negativi dei cambiamenti climatici
3. Fornitura di sementi, fertilizzanti, attrezzature ed utensili adeguati per svolgere correttamente le attività agricole

Fonti: FAO, Banca Mondiale, World Food Programme, UN Women


Leggi di più

Se desideri donare per questo progetto:

c/c postale 11 88 11 33 causale Senegal Yene 
c/c bancario IBAN IT 62 F 02008 01152 000101023478
c/credito dona ora  

 

 Banner 5x1000 dona ora

 

Investi in capitale umano
e rafforza le donne del futuro  

09MD0339Investire nell'istruzione, educazione e salute delle bambine che vivono in Paesi in cui spesso i diritti di base non vengono rispettati, significa arginare l'abbandono scolastico, i matrimoni precoci e i lavori agricoli che spesso le bambine devono affrontare senza poter avere scelta.

Con il sostegno a distanza e con soli 30 euro al mese, potrai garantire l'accesso a scuola, 3 pasti al giorno e le visite mediche in caso di necessità.


In questo momento ad Antananarivo in Madagascar ci sono decine di bambine tra i 5 e i 12 anni che vorrebbero andare a scuola! 


Domani, nel giorno della Festa della Donna, porta con te una bimba a festeggiare!


Attiva un sostegno a distanza chiamando il n. 011 4390017, scrivendo a sad@nutriaid.org o compilando il form su www.nutriaid.org. 


Attiva un sostegno per una bambina
nel giorno della Festa della Donna!


Scopri come fare:

c/c postale 11 88 11 33 causale Sostegno a distanza
c/c bancario IBAN IT 62 F 02008 01152 000101023478
c/credito dona ora  

Contattaci: Tel. 011.4390017 Fax. 011.4368492 | Email. info@nutriaid.org
www.nutriaid.org
Non vuoi più ricevere nostre comunicazioni?

Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo