buttonattivatiinformati

Percorsi creativi e futuri innovativi 
 

10SN0590

Progetto

SN1 Percorsi creativi e futuri innovativi

La strategia generale perseguita dall'intervento è quella di creare un polo di sviluppo multisettoriale nel Comune di Malika (area periferica di Dakar) che associ la componente formativa con quella produttiva, coinvolgendo la comunità e le istituzioni locali.
Lo scopo dell'intervento è quello fornire a giovani inoccupati la possibilità di intraprendere un percorso formativo specializzato che porti alla creazione di start up in settori innovativi e che rappresenti quindi una chance concreta d'inserimento nel modo del lavoro.
Il progetto si svolge nell'ambito di un'iniziativa più ampia promossa dalla Regione Piemonte e finanziata dal Ministero dell'Interno e finalizzata al rafforzamento delle politiche sul lavoro e alla creazione di occupazione giovanile in Senegal e Costa d'Avorio, intesi come mezzi per disincentivare la migrazione clandestina che attira un numero sempre più elevato di ragazzi africani senza prospettive di lavoro nel loro Paese.

Beneficiari diretti/indiretti

150 persone  (125 giovani inoccupati e 25 funzionari pubblici)
60.000 abitanti del Comune di Malika

Budget 2017

29.213,00 euro

Località d'intervento

Regione: Dakar Dipartimento: Pikine Località: Malika
SENEGAL

Area d'intervento

Formazione e orientamento professionale; accompagnamento tecnico; promozione dei servizi rivolti ai giovani; capacity building istituzionale 

Durata

21 mesi a partire da gennaio 2017

Obiettivi

Obiettivo generale

Contribuire alla riduzione delle cause della migrazione giovanile, favorendo lo sviluppo delle economie locali e sostenendo le politiche pubbliche rivolte ai giovani

Obiettivo specifico

1. Migliorare le politiche pubbliche e i servizi rivolti ai giovani e all'occupazione giovanile, rafforzando le competenze delle autorità locali e consolidando il network dei partenariati territoriali coinvolti.

2. Aumentare il livello di occupazione dei giovani, migliorandone le competenze

3. Creare nuove opportunità di lavoro sostenendo le attività lavorative di tipo dipendente/autonomo in settori innovativi

Azioni previste


Formazione in management e marketing

AZIONE 1

Quest'azione mira a fornire ai partecipanti la capacità di gestire gli step necessari per condurre con successo un'attività imprenditoriale (business plan, marketing, ammortamento dei costi, etc.). La metodologia formativa adottata sarà quella del programma GERME (gestire meglio la propria impresa), adottato quale strumento didattico dall'OIT e che ha dato buoni risultati in Africa Occidentale.
Il programma GERME si avvale di un pacchetto formativo che prevede ore di aula e ore di accompagnamento dell'impresa appena creata, permettendo al beneficiario di progredire gradualmente nell'esercizio della propria attività avendo ricevuto il follow-up tecnico iniziale.

BUDGET 2017:  tbd

Formazione informatica sanitaria 

AZIONE 2

Si tratta di un'azione propedeutica all'attivazione di 2 start-up in ambito sanitario che utilizzino ICT. I giovani coinvolti in questo tipo di formazione saranno 50 e seguiranno due diversi corsi (25 ragazzi per corso). Un primo corso di formazione riguarderà l'utilizzo della tecnologia nel settore medico-sanitario, quale mezzo per sensibilizzare le comunità locali sulla prevenzione alla salute, organizzare campagne sanitarie e perfino aiutare a fare diagnosi a distanza -telemedicina-

Un secondo corso sarà focalizzato sulla raccolta, analisi, organizzazione dei dati da utilizzare i diffondere in vari settori propri della cooperazione, dell'innovazione socio-sanitaria e dello sviluppo sostenibile. La formazione permetterà la creazione di figure professionali altamente specializzate che potrebbero facilmente inserirsi nel settore umanitario, ONG, Agenzie ONU, programmi governativi.

BUDGET 2017:  tbd

Avvio delle Start-Up

AZIONE 3

Al termine dei corsi di formazione saranno avviate due start-up nei rispettivi ambiti formativi. Il progetto mette a disposizione di ogni start-up un pacchetto finanziario necessario all'avvio delle attività e alla copertura delle spese di funzionamento durante il primo anno. Il pacchetto finanziario prevede anche un accompagnamento tecnico specializzato di almeno un anno.

L'avvio delle start-up sarà accompagnato da eventi che ne pubblicizzeranno il lancio a livello territoriale in modo da favorirne la visibilità e stimolare quindi l'utenza.

BUDGET 2017:  10.000,00 euro

Apertura del Foyer Polyvalent

AZIONE 4

Il Foyer Polyvalent costituisce uno spazio fisico di condivisione, conoscenze, ricerca. Un vero e proprio luogo di co-working e di incubazione di idee destinato ai giovani.
Il Foyer sarà allestito all'interno dello stabilimento comunale, dando risalto così, all'impegno che le istituzioni pubbliche locali stanno mettendo nella realizzazione di questo progetto che punta, del resto, a migliorare i servizi pubblici offerti all'utenza giovanile. Il Foyer è costituito da una sala completamente riabilitata, dotata di tavoli, sedie, computer, stampante multifunzione e connessione free wi-fi.
Sarà uno spazio aperto ai giovani che abbiano voglia di investire nel proprio futuro e dove troveranno i mezzi per orientarsi e confrontarsi con altre esperienze formative e professionali e trovare quindi gli stimoli e le informazioni necessari a perseguire un obiettivo formativo e professionale.

BUDGET 2017:  5.800,00 euro

Corsi per Funzionari Pubblici

AZIONE 5

Quest'azione si pone come obiettivo quello di migliorare i modelli organizzativi e l'implementazione dei servizi rivolti ai giovani. Un corso per i funzionari pubblici coinvolti in tali servizi sarà svolto al fine di approfondire gli interventi e le politiche rivolte ai giovani, confrontarsi sulla loro applicazione e replicabilità, promuovere attività informative e divulgative.
Al termine del corso i funzionari coinvolti saranno in grado di conoscere il quadro generale relativo alle politiche e alle azioni di promozione del lavoro e ciò porterà ad un potenziamento dei servizi comunali rivolti all'orientamento professionale per i giovani. Tale capacità sarà amplificata anche dall'attivazione di un sito/app rivolto proprio ai giovani in cerca di occupazione o di un valido percorso formativo.

BUDGET 2017:  tbd

 

Contesto

La Repubblica del Senegal è un Paese dell'Africa Occidentale considerato "giovane". Gli abitanti sono oggi circa 14.5 mil di cui il 44% ha meno di 14 anni. L'età media è di 18 anni e solo il 3% della popolazione ha più di 65 anni. L'Indice di Sviluppo Umano ISU è basso. Il Senegal occupa la posizione 170 su 188 paesi (UNDP 2015).
Oltre alla metà della popolazione in età lavorativa è disoccupata e circa il 34% vive al di sotto della soglia di povertà, mentre il 15% si trova in situazione di indigenza estrema. In tale contesto la stessa sopravvivenza di migliaia di persone è in costante rischio.
Ad oggi il Senegal sta subendo i contraccolpi della carestia che ha colpito il Sahel nel 2012. Secondo recenti prospezioni FAO, la valutazione preliminare dei raccolti per la stagione colturale 2016/2017, indica che la produzione cerealicola è in diminuzione del 12% rispetto a quella dell'annata procedente e addirittura del 17% rispetto alla media degli ultimi 5 anni. A questa grave situazione va a sommarsi l'aumento generalizzato dei prezzi dei generi alimentari e la diminuzione delle quantità di raccolti che mettono a dura prova la resilienza delle famiglie, soprattutto in area rurale, e contribuiscono a creare una situazione di grave insicurezza alimentare e nutrizionale.

Situazione economica, occupazione e migrazione

La crescita economica degli ultimi anni è stata lenta, impedendo uno sviluppo inclusivo e una significativa riduzione della povertà. L'incapacità dei governi ad attuare riforme in grado di affrontare la cause della povertà, i problemi persistenti nel settore energetico, la carenza di infrastrutture, la scarsa efficienza di investimenti pubblici e l'ingente quanto inefficace spesa pubblica, sono fattori che impediscono lo sviluppo economico del Paese. A questi elementi interni vanno sommati gli shock esogeni dell'ultimo decennio, quali l'aumento vertiginoso dei prezzi di carburanti e derrate alimentari, la crisi finanziaria globale, i fenomeni climatici estremi.

Quello primario (pesca e agricoltura) rappresenta il settore con il maggior potere di assorbimento lavorativo (circa il 50% della popolazione attiva), ma, anche a causa dell'obsolescenza dei rispettivi comparti, non è sufficiente a dare lavoro ad una popolazione in costante e rapida crescita. Il tasso di disoccupazione è elevatissimo, attestandosi oltre il 50% della popolazione tra 15 e 59 anni (ENES 2015).
La popolazione più colpita dalla disoccupazione è quella giovanile, urbanizzata, di genere femminile.

Il Senegal è il quarto Paese dell'Africa sub-shariana e il primo dell'Africa Occidentale per numero di emigrati. Stime ufficiali fanno riferimento a quasi mezzo milione di senegalesi emigrati, ma considerando il fenomeno dell'emigrazione illegale questa cifra potrebbe rappresentare solo la punta dell'iceberg di un fenomeno molto più ampio.

L'elevata disoccupazione e il persistere della povertà costituiscono le principali cause di emigrazione. La disoccupazione è spesso legata ad un basso tasso di scolarizzazione e di formazione tecnica. Molti giovani, pertanto, considerano la migrazione come una necessità, un'alternativa economica.

Responsabile 

Responsabile coordinamento: NutriAid

Personale 

1 coordinatore in loco, 1 desk Italia

Finanziatori

Ministero dell'Interno italiano

Partner 

Renken Italia, Renken Senegal, Comune di Malika, Regione Piemonte

 

Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo