buttonattivatiinformati


Emergenza del sistema sanitario dopo Ebola

 

10CR0726 r

Progetto

SL 1 DMO District Medical Office
Il progetto prevede la formazione del personale medico e socio-comunitario rispetto al programma "i primi mille giorni di vita" e la "presa in carico della malnutrizione infantile acuta" in linea con il Protocollo nazionale sierraleonese in materia.
Il programma fornisce le competenze necessarie per garantire assistenza alla coppia madre-figlio dal concepimento al compimento del secondo anno di vita del bambino. 

Beneficiari diretti/indiretti

20  agenti sanitari
20  agenti comunitari

557.978 persone, ossia la popolazione di Port Loko 

Budget 2016

€ 3.350,00  invio di 2 medici pediatri dall'Italia

€ 700,00  materiale divulgativo

€ 580,00  organizzazione di 2 workshop per il personale sanitario 

Località d'intervento

Provincia: Nord  Distretto: Port Loko
REPUBBLICA
della SIERRA LEONE

Area d'intervento

Nutrizione, prevenzione della malnutrizione infantile, formazione medica

Durata

10 mesi durata complessiva, 2 settimane missione formativa

Obiettivi

Obiettivo generale

Contribuire al ripristino delle cure di base in ambito nutrizionale nel Distretto di Port Loko

Obiettivo specifico

OS 1 Aumentare le competenze del personale medico e degli agenti comunitari, rispetto alle buone pratiche alimentari durante i primi mille giorni di vita e la corretta presa in carico della malnutrizione acuta

Azioni previste


Formazione del personale tecnico sanitario

MODULO 1

Questo modulo, rivolto al personale tecnico sanitario (20 persone), interessa la salute e la nutrizione della mamma e del bambino (coppia madre-figlio) e in particolare la corretta alimentazione nei primi mille giorni di vita (l'alimentazione in gravidanza, dal concepimento al compimento del secondo anno di vita del bambino); un'alimentazione minima accettabile; le tecniche di svezzamento e alimentazione post svezzamento; alimentazione equilibrata (i 3 gruppi di alimenti essenziali per un regime alimentare bilanciato); la malnutrizione (nelle sue varie forme), come individuarla e come prendere in carico il bambino malnutrito; la presa in carico della malnutrizione in ambito medico e in ambito comunitario.

BUDGET 2016:  € 2.315,00 


Formazione del personale tecnico comunitario

MODULO 2

Il secondo modulo avrà come target le persone-risorsa (20 in totale) che operano a livello comunitario o che rivestono un ruolo autorevole all'interno della comunità di appartenenza (animatori comunitari, leader tradizionali, levatrici, etc.).
Sarà sviluppata la parte socio-educativa rispetto alle norme igienico-sanitarie di base; le buone pratiche alimentari; condotte da tenere qualora si sospettino casi di malnutrizione infantile in famiglia e/o nella comunità.

Questo modulo intende rafforzare le competenze a livello comunitario in modo da stimolare la componente preventiva, contribuendo così ad alleggerire il carico di incombenze dei servizi sanitari pubblici, spesso al collasso, soprattutto in questa faticosa fase di recupero post-emergenza Ebola.

BUDGET 2016:  € 2.315,00 

Contesto

La Sierra Leone è un Paese dell'Africa Occidentale, considerato tra i più poveri al mondo. Decenni di declino economico e 11 anni di conflitto armato hanno avuto conseguenze drastiche sull'economia del Paese. Malgrado i progressi effettuati dalla fine della guerra civile, nel 2002, la povertà resta molto elevata con oltre il 50% della popolazione che vive al di sotto della soglia della povertà. La Sierra Leone resta quindi strettamente dipendente dall'aiuto esterno (circa il 50% del budget utilizzato per gli investimenti pubblici è di provenienza estera).

Nel 2014 il Paese, insieme alla Liberia e alla Guinea, è stato colpito dalla più grave epidemia di Ebola mai registrata prima in Africa dell'Ovest.

In Sierra Leone sono stati registrati 8.704 casi con 3.589 decessi. Benché attualmente l'epidemia sia stata dominata, il sistema sanitario nazionale ne è uscito pesantemente provato, in primo luogo per la morte di 221 agenti sanitari, ma anche per il collasso del sistema di coordinamento sanitario e la perdita di fiducia da parte della popolazione rispetto alle strutture sanitarie.

Tale situazione ha determinato un pesante ritardo nella conduzione dei programmi di vaccinazione, il trattamento della malaria e della malnutrizione infantile, facendo aumentare drasticamente il tasso di mortalità materno-infantile, riportandolo a livello del 1990.

Situazione nutrizionale dei bambini

La più recente indagine nutrizionale generale (effettuata nel 2010) ha rivelato che i livelli di arresto della crescita interessano il 34% della popolazione infantile; 18,7 % è sotto-peso; la malnutrizione cronica colpisce il 6,9% dei bambini; il tasso di malnutrizione acuta moderata è del 5,8%, mentre quello relativo alla malnutrizione severa raggiunge quasi l'1%. 
Questi dati non tengono ovviamente in conto l'aggravarsi della situazione nutrizionale conseguente all'epidemia di Ebola che ha distrutto, non solo il sistema di monitoraggio e presa in carico della malnutrizione, ma anche il tessuto sociale ed economico d'intere regioni del Paese, causando una forte instabilità alimentare e, di conseguenza, un drastico aumento dei casi di malnutrizione, soprattutto tra i bambini al di sotto dei 5 anni.

Per tali ragioni NutriAid ha deciso di collaborare al progetto di ENGIM finanziato dalla Cooperazione Italiana "INIZIATIVA DI EMERGENZA IN FAVORE DEL RIPRISTINO DEL SISTEMA SANITARIO DOPO LA MALATTIA DA VIRUS EBOLA IN SIERRA LEONE",intervenendo nella formazione del personale medico e socio-comunitario rispetto al programma "i primi mille giorni di vita" e la presa in carico della malnutrizione acuta.

Con l'autorizzazione del Ministero della Salute sierraleonese, le attività di NutriAid s'inseriscono nel quadro del rafforzamento delle competenze del personale medico e comunitario rispetto al periodo pre-natale e post-natale, che costituiscono fasi critiche per vita di madri e neonati e determinano l'incidenza della mortalità materno-infantile.

Responsabile

DMO District Medical Officer

Personale 

2 medici pediatri formatori, 1 responsabile progetto

Finanziatori

Cooperazione Italiana, fondi privati provenienti dall'Italia

Partner 

ENGIM capofila
Rainbow4Africa partner 
Distretto sanitario di Port Loko partner locale

 

Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo